Il mal di schiena cause e rimedi

A chi non è ma capitato di soffrire di mal di schiena almeno una volta nella vita? Tutti, chi più chi meno, ci siamo trovati ad affrontare, anche solo in maniera sporadica, questo problema fastidiosissimo per la salute di ognuno.

 
Il mal di schiena è un disturbo che coinvolge 15 milioni di persone in Italia, anche se troppo spesso è sottovalutato o trascurato. Vediamo insieme di cosa si tratta nello specifico, analizzando le tipologie, le cause che lo determinano e i sintomi cui si accompagna, i possibili farmaci da prendere e le terapie da affrontare, come possiamo prevenirlo attraverso uno stile di vita sano e una postura adatta, gli esercizi di vari sport e discipline che possiamo eseguire per migliorare la situazione praticandoli opportunamente con l’aiuto di istruttori esperti, infine quale rimedio efficace possiamo adottare.
Va ricordato che esistono davvero tante informazioni che riguardano questo malessere, ma quando si tratta di una patologia acuta allora rivolgersi ad un medico risulta essere la decisione più saggia.
 

Indice

 
 

Cos’è il mal di schiena

Il mal di schiena è un disturbo molto diffuso tanto che, secondo recenti studi, pare che almeno l’80% della popolazione adulta ne abbia sofferto almeno una volta nella vita, anche se solo metà delle persone colpite decidono di rivolgersi ad un medico.
Si tratta di un disturbo dell’apparato muscolo scheletrico che coinvolge il rachide e che determina diversi problemi nella vita di tutti i giorni tanto che, a volte, può avere effetti invalidanti che costringono, non di rado, ad assentarsi dal lavoro o a non potere svolgere le normali attività giornaliere. In taluni casi, quando la sintomatologia è particolarmente dolorosa e seria, si arriva a un’invalidità permanente. Il dolore può talvolta essere davvero acuto e, se non si tratta di episodi isolati, si rischia di entrare in una fase cronica della malattia. Vi possono essere vari fattori condizionanti che determinano il disturbo, cause che si sviluppano o si aggravano nel tempo. A volte, invece, può accadere che per uno sforzo particolarmente intenso o per un colpo di freddo si può essere vittime del “colpo della strega”, restando bloccati e avvertendo un dolore definito “a sbarra” ossia trasversale esattamente nella zona lombare; si tratta, tuttavia, di un dolore che dura solitamente pochi giorni e che colpisce non di rado la popolazione composta da individui tra i 30 e i 40 anni, anche se non si esclude la presenza del disturbo anche in altre fasce d’età ma in percentuale minore.
Esistono diversi tipi di mal di schiena a seconda della zona dell’apparato muscolo scheletrico in cui ha avuto origine il problema. Avremo così tre tipologie di questo fastidioso disturbo: il mal di schiena lombare, il mal di schiena cervicale e il mal di schiena dorsale.
 

Mal di schiena lombare

Il mal di schiena lombare è il più diffuso tanto da colpire uomini e donne di tutte le età, d’altronde tutti siamo destinati a soffrirne almeno una volta nella vita, seppure in modo sporadico e transitorio. È detto anche lombalgia ed è particolarmente doloroso e fastidioso. Il disturbo colpisce i muscoli e le ossa della regione lombare, che corrisponde alla parte inferiore della schiena.
Può essere dovuto ad uno sforzo improvviso, ad un’ernia, all’artrosi, alla degenerazione dei dischi intervertebrali a causa dell’avanzare dell’età, oppure semplicemente alla scorretta abitudine di rimanere per molte ore nella stessa posizione ad esempio a causa del lavoro. In questa tipologia di disturbo il dolore si concentra nella parte bassa della schiena e spesso si diffonde dalla zona lombare verso i fianchi e i glutei compromettendo le normali attività quotidiane.
La lombalgia può essere classificata in tre fasi a seconda della sua durata, vi sono così le fasi:

  • acuta, con durata del dolore per un periodo minore di 4 settimane;
  • subacuta, con durata compresa tra 4 e 12 settimane;
  • cronica, con durata superiore ai 3 mesi.

Inoltre il mal di schiena lombare può accompagnarsi ad altri due manifestazioni dolorose:

  • la lombo-sciatalgia: dolore che si manifesta anche lungo il nervo sciatico (il dolore coinvolge anche i glutei e la faccia posteriore dell’arto inferiore);
  • la lombo-cruralgia: dolore che si manifesta anche lungo il nervo femorale (il dolore coinvolge la faccia anteriore dell’arto inferiore).

La lombalgia non può essere trascurata poiché tende, se non opportunamente curata, a diventare cronica.
 

Mal di schiena cervicale

Il mal di schiena cervicale è anch’esso molto diffuso tra la popolazione adulta. Si tratta di un disturbo, chiamato comunemente cervicalgia, dovuto ad un’infiammazione che colpisce la zona del collo e delle spalle fino alle vertebre superiori della colonna vertebrale, nello specifico sono interessate le prime sette vertebre della colonna poiché sono quelle che sostengono il collo e la testa. Da qui il dolore, che causa un irrigidimento del collo limitandone la capacità di movimento, può spostarsi lungo le braccia e il tronco provocando ulteriormente formicolii e intorpidimento degli arti. Si tratta di un malessere molto fastidioso poiché provoca una numerosa serie di disturbi quali torcicollo, mal di testa, vertigini, nausea e disturbi sensoriali alla vista e all’udito (annebbiamento degli occhi e acufeni). La cervicalgia può essere causata da movimenti bruschi o da sforzi eccessivi, oppure può essere dovuta a un’eccessiva esposizione al freddo, a una diminuzione del tono muscolare dovuta a una scarsa attività fisica, a una postura scorretta durante il giorno, magari quando si è a lavoro, o durante la notte se si utilizzano cuscini e materassi inadeguati. Inoltre, quando si è in presenza del mal di schiena cervicale dovuto all’infiammazione di quest’ultima, ci può essere un aggravamento della situazione per il manifestarsi della sindrome cervico-brachiale, nella quale i dolori tendono a diffondersi alle spalle, alle braccia e talvolta alla mano con la comparsa di formicolii o eccessiva sensibilità agli arti interessati, chiaro indizio di una compressione anomala dei nervi cervicali, e della sindrome cervico-cefalica, che determina la comparsa di cefalea di tipo tensivo oppure emicrania, vertigini, disturbi alla vista o all’udito, nausea e vomito.
 

Mal di schiena dorsale

Il mal di schiena dorsale viene anche definito come dorsalgia ed è una sintomatologia meno diffusa delle due precedenti, tuttavia non è meno fastidiosa. Si tratta di un dolore che coinvolge
specialmente la regione alta del dorso, dietro le spalle o tra le scapole, e si può avvertire dalla base del collo fino all’ultima costola. Si manifesta soprattutto quando si compiono determinati movimenti, ad esempio quando si ruota o si piega il torace, mentre si gira o inclina il collo, durante la respirazione profonda o durante i colpi di tosse. Spesso si presenta quando si svolge un’attività lavorativa particolarmente pesante o quando si fa sport assumendo posizioni sbagliate. Talvolta si manifesta anche in chi non rientra nelle due precedenti categorie ma adotta abitudinariamente una postura sbagliata e ciò determina per i muscoli della colonna dorsale una fatica pari a 5 volte di più del normale, in questi casi si consiglia di praticare un’attività fisica che renda più tonica ed elastica la muscolatura.
 

Cause e sintomi del mal di schiena

Il mal di schiena può essere dovuto ad una serie innumerevole di cause, alcune davvero difficili da individuare, altre, invece, individuabili in base alla sintomatologia o a degli esami specifici.
Anche per quanto riguarda i sintomi ve ne sono diversi e possono variare di intensità a seconda del motivo che ha causato il mal di schiena.
 

Cause

Le cause del mal di schiena, come già detto, possono essere davvero tantissime. Senza dubbio, tra i motivi più comuni che determinano l’insorgenza del dolore, vanno ricordati i traumi, gli sforzi improvvisi, le microfratture, l’abitudine ad adottare posture scorrette, gli stiramenti bruschi, le rigidità che possono verificarsi nelle strutture collegate alla colonna vertebrale. Ma è possibile, ad esempio, che l’insorgere del problema sia dovuto al sovrappeso o all’obesità che determinano un carico eccessivo sulla schiena. Molto doloroso è anche il mal di schiena la cui causa è dovuta a una discopatia come l’ernia del disco oppure ad alterazioni della colonna vertebrale come la scoliosi.
 

Sintomi

Il mal di schiena presenta come sintomo più evidente il dolore talvolta acuto che addirittura non permette i movimenti nei casi più complicati. A questo si aggiungono altri sintomi a seconda delle cause del mal di schiena; nella cervicalgia, ad esempio, si presentano altri fastidiosi sintomi come nausea e mal di testa. Nei casi più semplici, di solito, i sintomi possono essere alleviati con l’adozione di un’adeguata postura, con la pratica di un’attività fisica specifica e con l’adozione di sistemi di riposo adeguati che consentano al corpo di adottare e tenere la giusta posizione durante il sonno.
 

Mal di schiena: farmaci e terapie

Il mal di schiena può essere curato o alleviato con i farmaci, ma in questi casi è bene rivolgersi o al farmacista, se è il caso di acquistare farmaci da banco, o al proprio medico di fiducia, che saprà prescrivere le medicine che richiedono la ricetta più adatti al proprio caso. Inoltre soltanto il medico può individuare la terapia più giusta da adottare.
 

Farmaci

Come accennato, i farmaci che si possono prendere in presenza del mal di schiena si dividono in due categorie, vi sono, infatti, farmaci da banco e farmaci con ricetta.
I farmaci da banco possono essere tranquillamente acquistati in farmacia su consiglio del farmacista, che generalmente potrà consigliare un antinfiammatorio non steroideo (Fans), come naprossene, ibuprofene, ketoprofene, diclofenac, oppure acido acetilsalicilico o paracetamolo. È possibile scegliere tra diverse formulazioni come le compresse deglutibili oppure i granulati che si sciolgono in acqua; di solito queste formulazioni orali vanno assunte a stomaco pieno. Un’altra scelta può essere quella di acquistare i cerotti medicati da applicare sulla pelle che rilasciano il principio attivo per 6-8 ore, oppure le formulazioni topiche come creme e gel che vanno spalmate direttamente sulla parte colpita dal dolore.
Per i casi più difficili, invece, è opportuno rivolgersi al medico di fiducia che può prescrivere farmaci specifici in base al tipo di mal di schiena. Di solito si tratta di antinfiammatori non steroidei (Fans), farmaci steroidei anche detti cortisonici, miorilassanti, analgesici.
 

Terapie

Per curare il mal di schiena il medico può prescrivere terapie a base di farmaci oppure basate su altri mezzi da effettuare in ospedale o in ambulatori privati. In alternativa, per i casi meno complessi, ci si può affidare alla medicina olistica o ad un’attività fisica adeguata prescritta da un esperto. Tra le terapie che non si avvalgono di farmaci ricordiamo: l’ipertermia, il laser a raggi infrarossi, la marconiterapia e radarterapia, la ionoforesi, gli ultrasuoni, la tens terapia, le trazioni.
 

Prevenzione per il mal di schiena

Il mal di schiena può essere prevenuto mediante semplici e adeguati accorgimenti.
 

Stile di vita

Lo stile di vita è uno dei rimedi più efficaci da adottare se si vuole prevenire il mal di schiena. Mangiare sano in modo da rafforzare le articolazione e mantenere il giusto peso senza incorrere nell’obesità rappresenta già un passo avanti. Anche un’attività fisica adeguata aiuta moltissimo nella prevenzione di questo problema.
 

Educazione posturale

La postura scorretta è una delle cause principali del mal di schiena. A volte l’adozione di una posizione errata è dovuta al lavoro che si svolge e che costringe ad assumere la stessa posizione per lungo tempo. Correggere la postura, rivolgendosi ad uno specialista che saprà indicare quale posizione adeguata adottare, è sicuramente un valido rimedio che eviterà l’insorgere del fastidio.
 

Esercizi per il mal di schiena

Il mal di schiena può essere combattuto praticando sport specifici, come ad esempio il nuoto, o dedicandosi agli svariati esercizi che vengono proposti dagli istruttori qualificati che si occupano di stretching, pilates o yoga, tutte discipline che possono offrire un valido aiuto nella risoluzione del problema.
 

Rimedi

Un rimedio efficace per il mal di schiena è senza dubbio l’uso di SoulSpension, che è uno strumento anatomico brevettato, utilizzabile autonomamente o in ambito professionale, olistico, sportivo e fisioterapico, inoltre è indicato per persone di ogni età. Su SoulSpension ci si sdraia in corrispondenza della colonna vertebrale, per allungare, alleggerire, rilassare e far riposare il corpo.

[su_button url=”https://www.soulspension.com/negozio/” background=”#5c7b2d” size=”5″ radius=”0″]Vai allo Shop[/su_button]

Laboratorio Posturale

Il laboratorio posturale! Un fine settimana per liberare e alleggerire...

Vincere il mal di schiena: quali benefici? Il racconto di un'esperienza

La mia vita aveva acquisito ormai un ordine prestabilito: otto...

Leave your comment